Il piano di Google per diventare un’azienda completamente carbon-free (video)

Il piano di Google per diventare un’azienda completamente carbon-free (video)

Giovanni Bortolan 16/09/2020 ore 17:11

Di trend nel mondo della tecnologia ce ne sono a bizzeffe. Tra schermi pieghevoli, fotocamere da urlo e altro i produttori non fanno altro che rincorrersi a vicenda. C’è tuttavia una tendenza che vorremmo prendesse piede il prima possibile: quella verso un futuro carbon-free. Cruccio di Apple già da qualche tempo, anche Google ha comunicato il suo piano per rendere l’intera azienda esente da emissioni di CO2 nell’atmosfera.

La scienza parla chiaro: il mondo deve attivarsi ora per evitare le conseguenze più gravi del cambiamento climatico. In una nota sul proprio blog, Google ha sottolineato come quello della sostenibilità sia stato un valore fondamentale dell’azienda da 20 anni a questa parte. Google è stata la prima azienda a diventare carbon neutral nel 2007, oltre che la prima a far coincidere il consumo di energia con il 100% di energia rinnovabile nel 2017, e ora puntano a diventare a tutti gli effetti carbon-free. Come? Questi i punti chiave da raggiungere.

L’ELIMINAZIONE GIà DA OGGI DELL’IMPRONTA DI CARBONIO STORICA.

Già oggi, l’azienda ha eliminato completamente la sua impronta di carbonio (incluse le emissioni generate dalle attività prima di diventare carbon neutral nel 2007), attraverso l’acquisto di compensazioni di carbonio di alta qualità. Questo significa che l’impronta di carbonio dell’intera vita di Google è ora pari a zero.

L’UTILIZZO ESCLUSIVO DI ENERGIA CARBON-FREE 24/7

Il primo passo sarà l’utilizzo di energia carbon-free 24 ore su 24, 7 giorni su 7 in tutti i data center e campus nel mondo. I data center alimentano i prodotti e i servizi a cui le persone si affidano ogni giorno. Ciò significa che ogni email inviata su Gmail, ogni domanda posta al motore di ricerca, ogni video visto su YouTube, e ogni ricerca su Maps per trovare il percorso migliore utilizzeranno energia pulita in qualunque ora di qualunque giorno. Per fare questo, Google accoppierà per esempio fonti di energia eolica e solare, e aumenterà l’uso delle batterie di stoccaggio. L’azienda sta inoltre lavorando all’applicazione dell’intelligenza artificiale per ottimizzare la propria domanda di elettricità e le previsioni di utilizzo.

AIUTARE LE CITTÀ A RIDURRE LE PROPRIE EMISSIONI DI CARBONIO

Attraverso una serie di investimenti, Google renderà disponibili 5 gigawatt di nuova energia carbon-free nelle principali aree industriali entro il 2030. Ci si aspetta che questo stimolo generi oltre 5 miliardi di dollari di investimenti in energia pulita, e oltre 8.000 posti di lavoro. La quantità di emissioni che verranno evitate in questo modo equivale a togliere dalla strada un milione di automobili ogni anno. In totale le varie iniziative dovrebbero contribuire a generare circa 20.000 nuovi posti di lavoro entro il 2025.

[embedded content]

Fonte: Google Blog

Fonte originale: Leggi ora la fonte

giornalissimo-redazione