Il ritorno di AltaRoma:  24 eventi e 88 designer

Il ritorno di AltaRoma:  24 eventi e 88 designer

16 settembre 2020 – 10:03

Gretel Z s’ispira al mondo delle ninfe. I gioielli «contagiosi» a tema Covid . La presidente Silvia Venturini Fendi: «In bilico fino all’ultimo, ma ora siamo qui. Un segno di speranza e ripartenza che dobbiamo ai giovani che sono l’anello più debole del sistema moda»

di Flavia Fiorentino

Moda, AltaRoma ritorna in passerella con 24 eventi «live» e 88 designerModa, AltaRoma ritorna in passerella con 24 eventi «live» e 88 designer

Fino all’ultimo, anche la moda è stata in «bilico» tra voglia di ripartire e protocolli, di sicurezza da affrontare. Ma ieri, nei giardini di Palazzo Brancaccio, finalmente AltaRoma ha dato il via a un’inedita edizione settembrina (fino a giovedì) che vedrà 24 eventi in forma fisica accompagnati da collegamenti web con 88 tra designer e buyer provenienti da 26 Paesi. «Essere qui oggi è un segno di speranza e di ripartenza – ha detto la presidente della manifestazione Silvia Venturini Fendi – lo dobbiamo ai giovani, che sono l’anello più debole del sistema moda. Per uno studente o una startup, fermarsi a inizio carriera è drammatico. E con il lockdown hanno già rinunciato a tanti progetti che avevano in cantiere

Se per recuperare la mancata edizione di luglio, si è scelta un’insolita tre giorni settembrina, lo stop dovuto al Covid ha però riavvicinato i protagonisti istituzionali di AltaRoma (Comune, Regione, Camera di Commercio e supporto dell’Ice), per la prima volta tutti insieme all’inaugurazione. La sindaca Raggi ha parlato di «coraggio» da parte degli organizzatori e ha sottolineato l’imprtanza della filiera, anche nella moda, «“a km 0” in una realtà così complessa come quella di Roma. In un momento così difficile, gli elementi da valorizzare sono la sartorialità, l’artigianato e i giovani — ha concluso Raggi — La nostra città può essere linfa vitale per i giovani che, attraverso l’utilizzo delle tecnologie unite alla sapiente scelta dei materiali, possono creare cose incredibili dando spazio alle risorse del nostro territorio senza guardare necessariamente oltre». Anche il presidente della Camera di Commercio Lorenzo Tagliavanti ha voluto sottolineare la missione di AltaRoma verso i giovani ricordando «quanti hanno spiccato il volo dalla capitale diventando famosi in tutto il mondo».

‘); }

L’assessore allo Sviluppo economico della regione Paolo Orneli ha invece precisato che oltre al sostegno ad AltaRoma, la Regione ha attivato il percorso Start up Fashion Academy incentrato su un nuovo modello di business sostenibile. Infine Carlo Ferro, presidente dell’Ice, ha annunciato che «sono stati appena avviati dei percorsi per il rilancio del made in Italy a livello internazionale di cui farà parte anche AltaRoma». Intanto ieri sera, nonostante la pioggia abbia sospeso per una trentina di minuti la sfilata con i finalisti di Who’s on Next, il concorso di scouting organizzato da AltaRoma e Vogue Italia, è stato proclamato tra i vincitori, Francesco Murano, premio Franca Sozzani 2020 che gli consentirà di sfilare a Milano Donna a settembre 2021.

E nei saloni di Palazzo Brancaccio, come avveniva nelle hall degli hotel della Dolce Vita, sono saliti in passerella le creazioni di Gretel Z, marchio di alta sartoria ispirata al mondo magico delle ninfe: abiti sottoveste, lunghi e scivolati, tagliati con sapienza. Ma ci sono anche mise da ballo con ricami delicati come un cielo stellato che si poggiano su gonne ampie e corpetti da Cenerentola. E il coronavirus non spegne la creatività dei nuovi talenti, se proprio il Covid 19 diventa il tema di una collezione di gioielli e accessori «contagiosi» realizzata dai designer dell’Officina dei Talenti Preziosi per esorcizzare il virus. In mostra orecchini da portare con la mascherina, bottigliette per il gel igienizzante tempestate di pietre pregiate, amuleti porte-bonheur dal fascino brasiliano per i millennial che hanno affrontato la quarantena da soli lontano dalla famiglia. E non mancano inedite « couture mask» ricamate. Oggi si prosegue con un talk dedicato all’innovazione e sostenibilità nel mondo delle startup della moda e con il Creative district- Fashion Film di Antonio Falanga e Grazia Marino sulla piattaforma Digital Runway di AltaRoma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 settembre 2020 | 10:03

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte

giornalissimo-redazione