Nintendo conferma: ci sarà un’altra console dopo Switch

Nintendo conferma: ci sarà un’altra console dopo Switch

Nintendo parla del futuro, e lo fa presentando i punti cardine di una strategia ad ampio spettro, dal film dedicato a Mario in arrivo nel 2022 al parco di divertimenti (che doveva già essere aperto, ma la pandemia ha frenato tutto): un universo che però continuerà ad avere al centro i videogiochi, e il connubio tra hardware e software. Perché sì, Nintendo ha intenzione di continuare ad essere una realtà anche nel mercato hardware, con nuove console. Nel documento che potete consultare integralmente al link in FONTE il colosso di Kyoto tocca tanti argomenti, ma in un momento in cui le voci su una possibile Switch Pro si stanno intensificando, sicuramente il passaggio in cui il futuro dell’azienda viene posto in continuità col passato ruba l’occhio.

Non sappiamo se Nintendo faccia riferimento a una versione potenziata di Switch, o a una console completamente nuova, o ancora ad ambedue le cose. Le indicazioni sono vaghe: di fatto sappiamo per certo che uscirà una nuova console Nintendo entro il 2099, non di più. Un po’ poco, certo. Ma significa che Nintendo sta già immaginando uno spazio e un’offerta capace di riposizionarla all’interno di un mercato che sta andando incontro ad un cambiamento radicale, con una nuova generazione in arrivo tra pochi mesi (a proposito, questa sera non perdetevi la presentazione di PlayStation 5 ) che non segnerà solo un salto tecnico, ma un cambio di paradigma.

Quello del gaming è un futuro sempre più legato a servizi, abbonamenti in streaming e non (ve li abbiamo spiegati tutti nel dettaglio nella nostra guida dedicata), Nintendo per paradosso è la realtà con l’hardware meno potente, ma più legata all’hardware, e cioè ad un modo di intendere il mercato legato ai vecchi schemi: su tutto il resto deve ancora lavorare – basti pensare all’online di Switch. E sarà interessante capire come sceglierà di valorizzare i suoi enormi punti di forza, ovvero le proprietà intellettuali storiche come Mario e Zelda, negli anni a venire. Insomma: vedere cosa si inventerà, ancora una volta, per divertirci.


Fonte originale: Leggi ora la fonte

giornalissimo-redazione