Spotify contro Apple One, l’abbonamento unico danneggia la concorrenza

Spotify contro Apple One, l’abbonamento unico danneggia la concorrenza

La casa di Cupertino ha sollevato il sipario sull’abbonamento unico Apple One solo da poche ore, ma tanto è bastato per suscitare le prime reazione tra gli operatori del settore. Spotify in particolare ha criticato duramente la soluzione scelta da Apple per racchiudere tutti i suoi servizi a pagamento in pacchetti che permettono di risparmiare sul canone complessivo derivante dalla somma delle singole sottoscrizioni. Per i gestori della popolare piattaforma di streaming musicale, Apple One limita e danneggia la concorrenza, oltre ad incidere negativamente sulla possibilità di scelta dei consumatori.

È utile ricordare che Apple One comprende in ognuno dei tre piani (Individuale, Famiglia e Premier) anche la sottoscrizione al servizio di Apple Music che entra in diretta competizione con quello di Spotify. Apple potrebbe quindi attirare nuovi utenti con un piani che, nel complesso, consentono un effettivo risparmio di spesa (rispettivamente 6 e 8 euro per i piani Individuale e Famiglia, 25 dollari per il piano Premier – non disponibile in Italia); il tutto a danno di chi offre servizi concorrenti e potendo investire rilevanti risorse per promuovere l’offerta.

Nella dichiarazione ufficiale sulla vicenda Spotify invoca un urgente intervento delle autorità antitrust:

Ancora una volta Apple sta usando la sua posizione dominante e pratiche sleali per svantaggiare i concorrenti e privare i consumatori favorendo i suoi servizi. Chiediamo alle autorità garanti della concorrenza di agire urgentemente per limitare il comportamento anticoncorrenziale di Apple che, se lasciato senza controllo, creerà danni irreparabili alla comunità degli sviluppatori e minaccerà le nostre libertà collettive di ascoltare, apprendere, creare e connettersi.

La risposta di Apple non si è fatta attendere: la casa di Cupertino sottolinea che i clienti hanno sempre la possibilità di trovare e scegliere servizi alternativi e che lo scopo di Apple One è quello di far risparmiare a chi già di fatto utilizza più servizi Apple – è l’ipotesi di un utente che ha già una sottoscrizione a Apple Music, Apple TV+, Apple Arcade e iCloud e con i nuovi piani non farà altro che pagare meno di quanto paga ora.

I clienti possono scoprire e usufruire di alternative a tutti i servizi Apple. Stiamo introducendo Apple One perché rappresenta una grande valore per i clienti e un modo semplice per accedere all’intera gamma dei servizi in abbonamento di Apple. Consiglieremo il piano Apple One che fa risparmiare di più in base agli abbonamenti che già si possiedono. È perfetto per chi ama i nostri servizi e desidera ottenere di più con meno, ed è particolarmente adatto alle famiglie. Inoltre alcuni servizi inclusi in Apple One possono essere utilizzati su dispositivi non Apple e si possono annullare in qualsiasi momento.


Fonte originale: Leggi ora la fonte

giornalissimo-redazione