Von der Leyen: «Il 37% del Recovery Fund alla lotta al cambiamento climatico. Ma ora salari minimi per tutti»

Von der Leyen: «Il 37% del Recovery Fund alla lotta al cambiamento climatico. Ma ora salari minimi per tutti»

Un’Europa della sanità unita. E’ questo l’obiettivo che la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, indica durante il suo primo discorso sullo stato dell’Unione all’Eurocamera, a Bruxelles. «Col presidente del consiglio Giuseppe Conte e la presidenza italiana del G20», ha detto la Von der Leyen, organizzeremo un vertice globale sulla sanità, in Italia, per dimostrare che l’Europa c’è per proteggere» i cittadini.

«Continuare a proteggere le vite»

La presidente ha poi ricordato come a causa della pandemia «il popolo europeo stia ancora soffrendo. E’ un periodo di ansia», ha detto, e i cittadini «sono preoccupati di come sbarcare il lunario. L’incertezza non è ancora superata e la ripresa è ancora in fase iniziale: la nostra priorità è superare questa fase e l’ Europa può farlo ». Un’Europa che dunque secondo Von der Leyen ha tutti gli strumenti per «continuare a proteggere le vite». Perché in questo in questo momento di pandemia, con il Covid che è ancora minaccia viva, si deve « gestire con prudenza, agire con responsabilità e unità». La presidente ha anche detto il suo no alla corsa individualista da parte delle nazioni agli accaparramenti futuri del vaccino nazionalismo dei vaccini. «Non basta trovare un vaccino ma dobbiamo garantire che i cittadini europei e di tutto il mondo possano avervi accesso. Il nazionalismo dei vaccini mette a rischio le vite, solo la cooperazione può salvare le vite».


Fonte originale: Leggi ora la fonte

giornalissimo-redazione